The work conducted by researchers at Harvard University, Massachusetts General Hospital and MIT in Boston has characterized the microbiome and its functions in stool and plasma of a big number of people from the large population study, the Framingham Heart Study (about 1400 participants). Results were correlated with cardiovascular health of patients. Very interestingly, a strong negative correlation among the genus Oscillibacter and fecal and plasma cholesterol levels was observed. Moreover, using functional prediction and in vitro characterization of several Oscillibacter isolates from human samples, researchers demonstrated that the genus Oscillibacter carries the cholesterol-metabolizing enzymes to efficiently break down the cholesterol of the host, thereby reducing the amount of cholesterol in the intestine and plasma. From these relevant results, strategies to reduce cholesterol levels by exploiting microbiota cholesterol metabolism may be developed to mitigate host hypercholesterolemia.

 

Il lavoro condotto dai ricercatori all’università di Harvard, al Massachusetts General Hospital ed al MIT di Boston ha caratterizzato il microbioma e le sue funzioni in campioni di feci e plasma di pazienti arruolati nello studio di popolazione Framingham Heart Study (circa 1400 partecipanti). I risultati delle analisi sono stati correlati con la salute cardiovascolare dei pazienti. In particolare, i ricercatori hanno trovato una forte correlazione negativa tra il genere batterico Oscillibacter ed i livelli di colesterolo fecale e plasmatico. Mediante una previsione delle funzioni enzimatiche e la caratterizzazione in vitro di diversi isolati di Oscillibacter da campioni umani è stato dimostrato che questo genere possiede enzimi per metabolizzare efficientemente il colesterolo dell’ospite, riducendo così la quantità di colesterolo nell’intestino e nel plasma. Questi risultati sono rilevanti per lo sviluppo di strategie per mitigare l’ipercolesterolemia sfruttando le potenzialità metaboliche di specifici membri del microbiota intestinale.